Cannoli siciliani

Cosa dire se non che i cannoli sono la rappresentazione più alta della pasticceria siciliana? Il cannolo batte sempre tutti, non ce n’è per nessuno. Vi confesso che la riuscita della cialda lascia sempre un po’ di batticuore. Deve essere croccante e piena di bolle. Ci vuole molta pazienza a ripassare la sfoglia, ma il risultato è meraviglioso. Si possono conservare in una latta anche per un mese. Rimarranno super croccanti.

Ingredienti

250 grammi di farina 00

1 cucchiaino  di cacao amaro (potete anche ometterlo)

20 grammi zucchero semolato

mezzo bicchiere di  Vino Marsala

20 grammi di aceto

30 grammi di strutto

Un uovo

Un pizzico di sale

 

PER  LA CREMA

500 grammi di ricotta

150 grammi di zucchero

100 grammi di gocce di cioccolato.

Procedimento

 

Mettere in una planetaria o impastare a mano gli ingredienti: farina, cacao, zucchero, marsala aceto, strutto, un uovo e il sale. Come fosse una frolla.

Inserire tutti gli ingredienti fare il panetto e fare riposare in frigo per un’ora.

Dividere l’impasto in due, passare al mattarello, e poi  nella macchina per la pasta, da 1 a 6.

Ripiegare più volte su se stesso l’impasto per assicurare la migliore riuscita, in termini di fragranza.

Fare le forme, e appoggiarle sulle cannule.

Occorre legare i due lembi con l’albume.

Friggere in olio a 180°. Cuocere pochi secondi

PER LA CREMA

Mettete a scolare la ricotta almeno in modo che perda il liquido in eccesso. Schiacciatela con la forchetta e incorporate lo zucchero semolato. Appena il composto sarà ben amalgamato lasciatelo riposare in frigo per almeno un’ora. Quindi passatela al setaccio, aggiungete il cioccolato e mettete nella sac à poche per guarnire i cannoli

 

Condividi questo articolo sui social

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

17 commenti su “Cannoli siciliani”

  1. Sei un mito????le tue ricette riescono sempre grazie.Vorrei chiederti se potessi fare la pignorata bianca e nera, non ci sono mai riuscita,sarebbe una conquista unica.Ci spero

    Rispondi
  2. Ciao Giusina! Ricetta perfetta! Riuscita magnificamente ed ha superato una ricetta che avevo imparato dalla prova del guoco. Grazie!
    Una provocazione….e se i cartocci li mettessi in forno? Il sapore di olio fritto un po’ mi disturba. Ancora complimenti.

    Rispondi
    • Adaaaa, che bello!!!!!! Sono felice. Ho studiato molto per cercare la migliore. Prova al forno…non sarà la stessa cosa, ma saranno buoni uguali. Ti bacio

      Rispondi
  3. Ciao Giusi, non vedo l’ora di provare questa ricetta, adoro i cannoli!
    Prima domanda: il risultato è lo stesso se sostituisco lo strutto col burro?
    Seconda domanda: la conservazione delle cialde in latta, va fatta in frigorifero?
    Grazie

    Rispondi
    • Cara Gabriella, lo strutto dona maggiore fragranza. Prova con il burro e mi fai sapere.
      Le cialde riposano in latta, fuori dal frigo.
      Auguri di buon anno!!!!

      Rispondi
  4. Ciao Giusina! Domani proveremo a fare i tuoi cannoli! ????
    Una domanda: quanti ne vengono fuori con questa dose?
    Così, tanto per regolarci con gli stampini!
    Grazie mille.
    Ti guardiamo sempree ????❤

    Rispondi

Lascia un commento

Giusinaincucina.it | Tutti i diritti sono riservati